E ADESSO BUONE NOTIZIE !





Da uno studio dei ricercatori dell'Eurodap, associazione europea disturbi da attacchi di panico, è emerso che gran parte dei disturbi da ansia e paura sono dovuti all'INFORMAZIONE!



Riallacciandomi al post " Perchè non siamo dei Maghi?", dove viene detto che uno dei motivi per cui abbiamo difficoltà ad usare i nostri poteri è dato dall'incessante risalto che viene dato alle cattive notizie a discapito delle buone, vorrei  da oggi inaugurare uno spazio dedicato alle buone notizie, perchè ci sono nonostante se ne parli poco.


La prima buona notizia riguarda l'ambiente.


Negli ultimi giorni è stato presentato a Roma l'Annuario dei dati ambientali realizzato dall'Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale.


Secondo questi dati, la superficie delle foreste è in aumento, grazie anche alle numerose attività di riforestazione. L'aumento delle superfici boschive è un trend che si sta registrando costantemente da alcuni anni.
Gli incendi sono in sensibile diminuzione, causa principale della distruzione dei boschi italiani.
In calo anche le sostanze acidificanti, responsabili sia dell'alterazione degli ecosistemi acquatici e terrestri,sia dei danni a materiali ed edifici presenti nella nostra atmosfera.

In dieci anni le emissioni di zolfo sono diminuite dell'87,2%, quelle di ossido di azoto del 51,3% e quelle di ammoniaca del 16,5%.


Una diminuzione è stata rilevata anche nelle emissioni di gas-serra, che, nel 2009, hanno fatto registrare una percentuale pari al -9,3%.


Buone anche la qualità delle acque di fiumi e laghi: il 46% dei 549 punti monitorati è nella classi di qualità “buona” e “ottima”, e il 35% nella classe di qualità “sufficiente”. Per i laghi, il 37% sono nella classe “ottima” e “buona” e il 35% nella classa “sufficiente”.
  Le acque marine italiane risultano avere, nel complesso, uno stato mediamente buono.




Alla prossima BUONA NOTIZIA.


Buona giornata.


Fonte Buonenotizie.it.

RiccaMente

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso.