MALA - USO, BENEFICI E POTENZIAMENTO.






Mala è un termine sanscrito che significa ghirlanda o collana.
Le perle di Mala sono usate con il mantra per pregare o meditare.

L'uso regolare del mala può migliorare la conoscenza di sé, l'intuizione, la pazienza, l'aumento di energia, il miglioramento della comunicazione e la riduzione dello stress.

L'induismo, una delle più antiche religioni del mondo, è l'origine del Mala. 
Gli indù che si convertirono al buddismo presero con sé il Mala e da allora è diventato parte di molte religioni.


Le perline del Mala fungono da promemoria tattile durante la meditazione e il canto. In molte tradizioni orientali, il canto e la preghiera sono fatti in un certo numero. 
Seguendo le perline con le dita mentre canti o reciti un mantra, sei in grado di tenere traccia di quante volte hai cantato o pregato.

Oggi molte persone li usano nella preghiera e nella meditazione perché aiutano a calmare la "mente scimmia" che molte persone devono combattere durante la meditazione. 
Mentre alcune persone possono facilmente abbassare la testa e mettere a tacere la mente per concentrarsi sulla meditazione, molti altri non possono. 
Quindi avere le perle per mantenere la mente e le mani impegnate può aiutare a mantenere la concentrazione portando il beneficio di aumentarla volta dopo volta.

Nove è il numero sacro e il denominatore comune dei grani di preghiera Mala. I Mala più comuni sono di 27, 54 o 108 perle di lunghezza. 



Quelli con 27 perle sono la versione da polso.
Il numero sacro indù di 108, precedente al buddismo, è il numero classico dei nomi indù assegnati a una divinità indù o dio.

In realtà le perline sono 109. La perla 109 è chiamata perla del Guru o del Monte Meru.
Questa è la perla centrale che può variare molto da mala a mala e da tradizione a tradizione.



Alcuni usano uno stile specifico di perline con una nappa appesa fuori, spesso con il colore della nappa che rappresenta una specifica divinità o intenzione. 
Nei Mala tibetani la nappa trovata alla fine delle perle, rappresenta l'illuminazione.
In altre configurazioni di perle, la perla del Guru può essere un tipo specifico di gemma che rappresenterebbe l'intenzione e lo scopo del Mala.

La perla del Guru è una perla molto importante poiché rappresenta il tuo guru o insegnante, la tua divinità o il tuo Sé Superiore (tutto dipende dalla tua tradizione e dai tuoi punti di vista) insieme alle tue intenzioni. 


Quando preghi con il tuo mala non attraversi mai il tuo Guru. 

Quando inizi la tua meditazione, inizia dalla prima perla a destra del Guru. Passa attraverso tutte le perle fino ad arrivare all'ultima perlina prima del Guru. 
Puoi fermarti lì, tenere la tua perla Guru e dire una preghiera alla tua divinità, per il tuo insegnante, o impostare un'intenzione e poi interrompere la tua meditazione.

In alcune tradizioni è pratica comune fare un secondo giro per riportarti al punto in cui hai iniziato la tua meditazione. 
Se lo fai, gira il tuo Mala in modo che l'ultima perla sia di nuovo a destra.


La tradizione indù sostiene che il modo corretto di usare un mala sia con la mano destra, con il pollice che fa scorrere le perline sul dito medio.
L'indice rimane teso e non tocca mai le perle del Mala. L'indice è collegato all'ego, qualcosa che è idealmente tenuto fuori dalla preghiera, dalla meditazione e dal lavoro devozionale. 





I buddisti generalmente tengono il Mala nella mano sinistra. La prima perla è tenuta tra l'indice e il pollice e, con ciascun conteggio, il pollice fa scorrere una perla sull'indice.


Le perline o i semi che compongono il tuo Mala ti aiuteranno a stabilire la tua intenzione. Scegli qualcosa che risuoni con lo scopo del tuo lavoro, l'intenzione e l'energia che desideri portare nella tua vita.

I Mala possono essere composti da diversi materiali, ognuno con le sue proprietà.



Rudraksha.
Il materiale tradizionale più usato sono i semi di Rudraksha, semi dell'albero Elaeocarpus Ganitrus.
Rudra significa "Shiva" e "Aksha" significa "occhi"e, per associazione, lacrime.  Il termine rudraksha significa quindi "Lacrime di Shiva". 
Si dice che il dio Shiva andò in una profonda meditazione per il benessere di tutte le creature viventi della Terra e quando finì e aprì i suoi occhi, le lacrime caddero sulla Terra portando la nascita dell'albero Rudraksha.
Questo rende il Mala di Rudraksha sacro a Shiva, ma aiuta anche a guarire il centro del cuore e ad equilibrare i chakra, promuovendo la pace interiore, oltre a garantire conoscenza, potere e illuminazione.

Secondo gli studi effettuati dall'IIT (Indian Institute of Technology), le perle di Rudraksha agiscono direttamente sul sistema nervoso centrale emettendo impulsi bioelettrochimici, calmando la mente e inducendo il cervello a rilasciare sostanze chimiche positive per apportare cambiamenti calmanti.
Le perle hanno dimostrato risultati notevoli  per controllare lo stress e l'ansia e la regolazione del battito cardiaco.

Si dice che, grazie alle loro numerose proprietà, le perle di Rudraksha creino un'armatura potente intorno all'individuo che le indossa rendendo la sua mente ricettiva alle energie positive migliorando così la qualità della vita.

I Mala di Rudraksha sono anche considerati amuleti e oggetti di buon auspicio.


Legno di sandalo .
Un legno aromatico molto calmante e lenitivo, aiuta a promuovere l'umiltà e la capacità di focalizzare la mente per la meditazione.


Pietre preziose. 

I Mala possono anche essere fatti con pietre come quarzo, turchese, ametista, avventurina, calcite, pirite, ossidiana ecc. 
Si sceglierà quindi  il Mala in base alle proprietà della pietra e dell'intenzione che si vuole abbinare.




POTENZIAMENTO DEL MALA.

Potenziare una Mala può essere fatto in modi diversi a seconda delle preferenze, delle tradizioni e delle pratiche. 
C'è un modo davvero semplice che è tradizionalmente usato nelle tradizioni buddiste.
Una volta che il tuo Mala e la tua intenzione sono stati scelti, scegli la tua preghiera, mantra o affermazione che saranno usati con esso. 
Per caricare il tuo mala con questa intenzione specifica, usa il ​​tuo mantra o affermazione prescelta ogni giorno per 40 giorni consecutivi sullo stesso Mala. 

A partire dal 41° giorno il mala è considerato carico della tua intenzione specifica e può quindi essere indossato o portato come un talismano per attirare questa energia specifica.

Se il Mala, così caricato, viene usato con un altro mantra o intenzione, l'energia precedentemente caricata viene cancellata.
Indossare i Mala come gioielli è uno dei modi per attingere al suo potere al di fuori della preghiera e della meditazione.

Una Mala potenziato viene spesso tenuto in un luogo sacro quando non viene utilizzato, indossato o trasportato. 
Molte persone lo mettono al collo di una statua di Buddha o della statua di un'altra divinità a cui sono dedicate le perline. Puoi anche tenerli in una scatola speciale o in una borsa di stoffa e tenerli  in uno spazio sacro. 


Questi sono strumenti sacri, quindi, come qualsiasi altro strumento sacro o magico, dovrebbero essere trattati con rispetto, anche se vengono indossati come gioielli.




OM - The Sound of Mala
Libro + Cd audio
OM, il Suono Sacro della Creazione cantato personalmente da Master Choa Kok.
Vai alla scheda








RiccaMente





DISCLAIMER ©. È vietata la riproduzione integrale o parziale dei post su siti, blog, forum e social network che non includa il link attivo https://riccamente.blogspot.com/


Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso.