SBLOCCARE E ATTIVARE LA GHIANDOLA PINEALE.





Se  vogliamo sfruttare i nostri più profondi stati di intuizione, intelligenza e illuminazione spirituale, è necessario sbloccare e attivare la ghiandola pineale
Comunemente indicato dalle antiche culture e mistici come " il terzo occhio ", la nostra ghiandola pineale si trova al centro del nostro cervello tra i nostri emisferi destro e sinistro ed è responsabile per la produzione di neurotrasmettitori come la serotonina e la melatonina .
Eppure,alla ghiandola pineale non è stato conferito il nome di " terzo occhio " a caso.


Si è constatato infatti che la ghiandola pineale contiene in realtà fotorecettori, proprio come i nostri  occhi, e in realtà è attivata dalla luce trasmessa attraverso i nostri occhi.
Questa luce solare trasmessa attraverso i nostri occhi stimola la produzione  di serotonina e lavora ulteriormente per rafforzare la capacità della ghiandola di liberarsi di specifiche sostanze chimiche nocive che possono incrostarla.  
La ghiandola pineale è anche stimolata dal buio, a cui la ghiandola risponde producendo melatonina per aiutarci ad indurre il sonno.
Sole > serotonina
Buio > melatonina

Come decalcificare e disintossicare la vostra ghiandola pineale.

La ghiandola pineale non è protetta dalla barriera emato-encefalica e quindi non ha una linea supplementare di difesa contro le tossine nocive che entrano nel flusso sanguigno. 
È stato dimostrato che tossine specifiche, come il fluoruro di sintesi e calcio sintetico, indeboliscono la capacità della ghiandola pineale di produrre i nostri neurotrasmettitori e di ricevere i fotoni di luce del sole, luna e stelle.

Tuttavia, è importante distinguere la differenza tra fluoro sintetico e calcio sintetico rispetto al fluoro organico e calcio organico.
Se ricevuto da fonti vegetali, come frutta e altri alimenti organici, calcio e fluoruro sono minerali essenziali sani. 
Ma, quando il fluoro e calcio sono prodotti sinteticamente attraverso lavorazione industriale e aggiunti all'acqua di rubinetto, integratori vitaminici, dentifrici, cereali fortificati e vari altri prodotti, questi minerali sintetici si sono dimostrati  dannosi colpendo la ghiandola pineale e numerosi altri organi del corpo.

Prima di iniziare ad attivare la ghiandola pineale, è necessario rimuovere le sostanze chimiche tossiche che impediscono di lavorare, come il fluoruro sintetico, calcio sintetico, farmaci e altre tossine.
Se state bevendo l'acqua del rubinetto, cercate di sostituirla  con le opzioni più pure e più sicure, come l' acqua di sorgente naturale, acqua di pozzo, acqua ad osmosi inversa. 
Si possono inoltre rimuovere eventuali integratori vitaminici e minerali, alimenti fortificati e dentifrici che contengono fluoro o calcio aggiunto.

Come attivare la ghiandola pineale.
Una volta iniziata la rimozione delle impurità che impediscono alla ghiandola pineale di essere azionata, si possono iniziare a implementare pratiche per stimolare e far crescere il funzionamento e le capacità della ghiandola pineale.
Una grande pratica che si può fare per tutta la vita è quella della meditazione.
L'atto di meditare  stimola il sistema dei chakra del nostro cervello e del corpo che è responsabile per la conduzione e la generazione di energia vitale. La meditazione porta energia bioelettrica  alla ghiandola pineale consentendo ad un maggiore stato di chiarezza e all'intuizione di entrare nella nostra vita cosciente. 

Dopo la meditazione, un più avanzato esercizio che lavora per attivare la ghiandola pineale, così come tutti i punti chakra del corpo, è quello del Kundalini Yoga. 

La Kundalini, che poggia avvolta nel chakra più basso della nostra colonna vertebrale, è un trasduttore di energia che sale lungo la spina dorsale, attraverso la pratica, fino a quando finalmente raggiunge la ghiandola pineale.

L'energia della Kundalini sale ed attraversa le ossa  della spina dorsale, attivando i 33 punti delle vertebre uno per uno fino a raggiungere i punti di energia della ghiandola pineale e della corona ai livelli superiori della spina dorsale.

Nutrizione per la ghiandola pineale.
Gli alimenti che specificamente sostengono e attivano la ghiandola pineale sono curcuma (thè e cruda), semi di cacao, piante verdi e verdure, acqua di sorgente,  Reishi (thè e compresse), succhi di erba, barbabietole, aceto di sidro di mele. 

È possibile usare dei supplementi  per contribuire a disintossicare ed attivare la ghiandola pineale come zeolite, bentonite, MSM organico e oro Ormus .



QUATTRO MODI PER ATTIVARE LA GHIANDOLA PINEALE qui.





IL RISVEGLIO DELLA KUNDALINI. 
Sequenze di Yoga - Teoria e pratica illustrata. 
Scheda libro qui.




LIFE - I SEGRETI DELLA GHIANDOLA PINEALE. Scheda libro qui. 









DISCLAIMER ©. È vietata la riproduzione integrale o parziale dei post su siti, blog, forum e social network che non includa il link http://riccamente.blogspot.com/ .

info credits: http://www.learning-mind.com/

RiccaMente

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso.