COME IL SONNO MIGLIORA LA MEMORIA.




Il sonno è di fondamentale importanza per il processo di formazione della memoria.
Senza sonno adeguato la mente dimentica di "salvare i ricordi" e questi ricordi sono facilmente persi durante le ore di veglia.
Pertanto memorie reali si formano durante il sonno.


Dormire non solo protegge i ricordi dall'essere dimenticati, ma li rende anche di più facile accesso, secondo la nuova ricerca eseguita presso l'Università di Exeter e del "Basque Centre for Cognition", Cervello e Linguaggio.
I risultati suggeriscono che dopo il sonno ci sono più probabilità di ricordare fatti che non siamo riusciti a ricordare mentre eravamo ancora svegli.

In due casi in cui i soggetti hanno dimenticato le informazioni nel corso di 12 ore di veglia, una notte di sonno ha dimostrato di promuovere l'accesso alle tracce di memoria che inizialmente si erano dimostrate troppo deboli per essere recuperate.

Nella ricerca, pubblicata sulla rivista Cortex, alcune parole inventate dovevano essere imparate  prima di una notte di sonno, o di un equivalente periodo di veglia. Ai soggetti è stato chiesto di ricordare le parole subito dopo essere state comunicate, e poi di nuovo dopo il periodo di sonno o di veglia.

La distinzione chiave era fra quelle memorie di parole che i partecipanti potevano ricordare sia nella prova immediata che al nuovo test dopo 12 ore. 
Le parole non ricordate nella prova immediata sono state ricordate nel test effettuato dopo 12 ore.


I ricercatori hanno scoperto che, rispetto alla veglia durante il giorno, il sonno ha aiutato a salvare i ricordi non richiamati più di ciò che ha impedito la perdita di memoria.

Nicolas Dumay dell'Università di Exeter, spiega: "Il sonno quasi raddoppia le nostre possibilità di ricordare materiale precedentemente non richiamato. La spinta  post-sonno nell'accessibilità della memoria può indicare che alcune memorie sono messe a fuoco durante la notte.

Durante il sonno, si osservano due tipi di attività cerebrali. 
Il primo tipo di attività, attività di impiego dipendente, si verifica ogni volta che si dorme. 
Si tratta essenzialmente della rigenerazione neuronale che viene vissuta come una sensazione rinfrescante dopo il sonno. 
Essa si verifica indipendentemente dal fatto che ci siano nuovi ricordi da conservare o meno.

Il secondo tipo di attività cerebrale che si verifica durante il sonno è nota come attività dipendente dall'esperienza.
Essa si verifica quando vi è una nuova abilità, fatto o evento da memorizzare. Questo tipo di attività cerebrale è  il processo di miglioramento della memoria e di consolidamento.

Durante la codifica di una memoria, un collegamento debole si forma nella sede della memoria del cervello. Questo processo è indicato come la stabilizzazione della memoria, e si manifesta durante le ore di veglia.

Il potenziamento della memoria segue questa fase:
Si tratta di rafforzare la memoria  tramite la ripetizione  (sognare durante il sonno) e creare collegamenti alle memorie relative ma stabilite nel cervello. 
La stabilizzazione della memoria si verifica di più durante il sonno notturno, ma alcuni tipi di memorie hanno dimostrato di essere stabilizzate anche durante la veglia.
L'intero processo di codifica dei ricordi, la stabilizzazione e l'integrazione con altri ricordi si chiama consolidamento della memoria.

Pertanto, il consolidamento della memoria prende una memoria instabile e la fissa abbastanza per resistere alle interferenze, mentre la rende facile da ricordare. 

In uno studio del 2012 pubblicato sulla rivista, Nature Neuroscience, è stato dimostrato che le informazioni codificate durante le ore di veglia vengono riattivate durante il sonno, per migliorare la stabilità di tali memorie.

Associando due melodie con simboli visivi, i ricercatori sono stati in grado di coltivare un'associazione tra il suono e la memoria in alcuni volontari.

Poi esponendo i soggetti ad una delle melodie durante un sonnellino pomeridiano, sono stati in grado di osservare i segni (osservando l'attività cerebrale delle onde, la plasticità sinaptica e l'attività colinergica) di elaborazione della memoria durante il sonno, anche se il suono non era abbastanza alto da svegliare i soggetti letto.


I risultati hanno mostrato che, dopo il sonnellino pomeridiano, i soggetti erano in grado di associare la melodia suonata appresa durante il sonno con le tracce visive associate rispetto alla melodia appresa che non è stata suonata.


In conclusione si può affermare che è ormai un dato di fatto che il sonno migliora la memoria.


Più in particolare, le ultime 3 fasi del sonno (stadi 3 e 4 o sonno profondo o sonno ad onde lente, così come il sonno REM) sono importanti per il consolidamento della memoria a breve termine e per la traduzione di queste memorie in memoria a lungo termine.

La privazione cronica del sonno  come la riduzione delle normali ore di sonno notturno influisce negativamente sulla memoria.

In realtà, la privazione di sonno cronico si crede  essere una delle cause di invecchiamento precoce. Condiziona i posti della memoria del cervello per elaborare i ricordi in modo inefficiente. 
Questo porta presto ad avere difficoltà di apprendimento, ricordando  informazioni e cercando associazioni tra più ricordi.

Infine, anche il pisolino durante il giorno offre alcuni benefici per la memoria. Questo non può essere come il sonno notturno, ma può contribuire a migliorare la codifica iniziale delle informazioni ed accelerare la stabilizzazione dei ricordi.

La stabilizzazione precoce della memoria è fondamentale perché, mentre non è ancora consolidata, un ricordo è soggetto a cambiamenti da informazioni correnti e può anche essere persa se un evento più significativo la sposta prima che si sia stabilizzata nella memoria a lungo termine.

Pertanto, il sonno è altamente raccomandato. 
Otto ore di sonno sono la durata giornaliera raccomandata di riposo. 
Quando questo è irraggiungibile, il pisolino pomeridiano dovrebbe essere utilizzato per integrare il sonno notturno perché i ricordi veri si formano solo dopo che noi "stacchiamo la spina".





SERENA NOTTE - 100% NATURALE.
Favorisce il rilassamento, migliora la durata e la qualità del sonno.
Scopri di più qui.








NIGHT TIME - TISANA PUKKA.
Fiori di avena biologici, lavanda e fiori di lime per un sonno profondo.
Scopri di più qui.







CLIPPER - INFUSO DOLCE SONNO. Nuova e speciale fragranza di infuso per un'esaltante esperienza "emozionale". Ogni prodotto Clipper è naturale al 100%, si utilizzano solo ingredienti puri e selezionati. Scheda prodotto qui.




MELATONINA ZINCO-SELENIO.
Elisir di giovinezza e benessere. 
L'assunzione di Melatonina Zinco-Selenio svolge azione dominante per la riattivazione e il ristabilimento del picco melatonico notturno a livelli giovanili, con il risultato di normalizzare tutte le funzioni immunologiche, metaboliche ed endocrine. È necessaria nella sincronizzazione dei cicli fisiologici dell'organismo e può risultare utile per favorire un corretto ritmo sonno-veglia.
Scheda prodotto qui.












DISCLAIMER ©. È vietata la riproduzione integrale o parziale dei post su siti, blog, forum e social network che non includa il link http://riccamente.blogspot.com/ .

http://neurosciencestuff.tumblr.com/post/126629946084/sleep-makes-our-memories-more-accessible
http://www.progressivehealth.com/how-sleep-could-help-your-memory.htm





RiccaMente

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso.