GREGG BRADEN - BENEDIRE SIGNIFICA LASCIARE ANDARE.




"Ti Benedico" è l'antico
segreto che sospende l'esperienza del dolore quanto basta, per rimpiazzarla con un altro sentimento.

Quando benediciamo le persone o le cose che ci hanno feriti, interrompiamo momentaneamente il ciclo del dolore.

Non fa alcuna differenza che la sospensione duri un nanosecondo o una giornata intera.
Qualunque ne sia la durata, l'atto di Benedire ci spalanca una porta per cominciare a star meglio e voltare pagina.

La chiave di tutto sta nel sollevarsi dal dolore per il tempo necessario a riempire il cuore e la mente con qualcos'altro.

Spesso il potere della nostra Energia viene offuscato o bloccato dall'Energia negativa che ci teniamo dentro.

L'Energia per esprimere completamente il suo potenziale deve essere libera di fluire.
Per questo è necessario rimuovere i blocchi energetici. 

L'Energia negativa si accumula in seguito ad esperienze negative non risolte.
Le emozioni negative non risolte restano bloccate nel nostro campo energetico. 

La Benedizione ha il compito di rimuovere i blocchi energetici.

Quando compiamo la scelta di Benedire, in ciascuna situazione ci sono tre componenti o gruppi di persone di cui tener conto. 
Chi prova la sofferenza, la causa della sofferenza, e chi ne è stato testimone e resta.

Benedire coloro che soffrono.
La prima area verso cui dirigere la nostra benedizione è quella della sofferenza provata da chi è stato ferito, che potremmo anche essere noi stessi.

Benedire la causa della sofferenza, qualunque essa sia.
Questa è la parte più difficile, ma purtroppo è anche quella che causa i blocchi maggiori.

Benedire i testimoni della sofferenza.
Questa parte del processo di benedizione è la più sottovalutata. Infatti, al rapporto che si stabilisce fra coloro che soffrono e coloro che causano la sofferenza, va ad aggiungersi anche la componente di chi, essendo stato testimone del dolore altrui, deve riuscire a dare un senso a ciò che resta. Questi testimoni siamo noi.

Per poter ricevere i benefici della Benedizione bisogna prima concederla.
Per prima cosa trovate un luogo tranquillo dove nessuno possa udire ciò che state per dire.
Poi iniziate a pronunciare ad alta voce la formula che segue.



LA BENEDIZIONE.




Io benedico _____________________
( inserite il/i nome/i di coloro che stanno soffrendo o hanno sofferto.)


Io benedico ______________________
(Inserite il/i nome/i della persona o cosa che ha inflitto la sofferenza. E' importante essere il più specifici possibile.)


Io benedico me stesso/a in quanto testimone.


"La Benedizione non giustifica né scusa in alcun modo nessuna atrocità o atto che infligga sofferenza.
Non appone sigilli di approvazione sugli eventi dolorosi, né tanto meno indica che sceglieremmo di rifare una data esperienza.
Il ruolo reale della Benedizione è invece quello di liberarci dalle nostre esperienze dolorose. Dà atto cioè che tali eventi, qualunque essi fossero, fanno parte ormai del passato. "     






LA SCIENZA PERDUTA DELLA PREGHIERA.
Il potere nascosto della Bellezza, della Benedizione, della Saggezza e del Dolore.
Scheda libro qui.




LA RIVOLUZIONE GENTILE.
Come attivare il potere di trasformare positivamente noi e gli altri e padroneggiare l'arte della Benedizione.
Scheda libro qui.



Vedi anche:
Gregg Braden : L'Antico Segreto della Benedizione







DISCLAIMER ©.
È vietata la riproduzione integrale o parziale dei post su siti, blog e social network che non includa il link http://riccamente.blogspot.com/



RiccaMente

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso.